Idi, ANMIRS: Amministrazione sta rispettando gli accordi

idiLe rappresentanze sindacali dell’Anmirs si sono incontrate con i vertici dell’Amministrazione del Gruppo Idi al fine di valutare lo stato di attuazione dell’accordo siglato lo scorso 2 giugno. Dalla riunione è emersa una situazione positiva nella quale si è potuto constatare l’incremento del fatturato relativo al mese di maggio, la stipula della copertura assicurativa per il personale medico ma soprattutto l’intesa raggiunta con la Siemens che verrà ratificata nei prossimi giorni e che consentirà, finalmente, il ritorno a pieno regime della radiologia.

Lo comunica, in una nota, l’Anmirs, Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri.

“Siamo soddisfatti – spiega Donato Menichella, segretario nazionale dell’Anmirs – l’Amministrazione sta dimostrando con i fatti di rispettare gli accordi presi. Siamo certi che se si proseguirà su questa strada l’Idi potrà finalmente tornare ad essere un punto di riferimento fondamentale per il sistema sanitario regionale e nazionale”.

Idi, Menichella: “Nel weekend grande successo per le visite dermatologiche gratuite a cui hanno partecipato tantissimi cittadini. Ora bisogna trovare un accordo con la Siemens per il ripristino della radiologia”

Donato Menichella“Anche questo fine settimana, così come quello precedente, i medici dermatologi del Gruppo Idi hanno effettuato visite gratuite per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie più importanti che possono interessare la nostra pelle in vista dei mesi più caldi. Un’iniziativa importante a cui hanno aderito tantissimi cittadini e che risponde alla duplice necessità di migliorare la qualità della vita e di prevenire l’insorgere di gravi patologie”.

Lo dichiara, in una nota, Donato Menichella, segretario nazionale dell’Anmirs, Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri.

“Dopo una crisi profonda e duratura –prosegue Menichella- l’Idi sta tornando finalmente ad essere un fondamentale punto di riferimento per il sistema assistenziale regionale e questo grazie alla buona volontà di tutti i dipendenti e alla disponibilità a tracciare un percorso condiviso dimostrata dalla nuova amministrazione”.

“Ora però è necessario che si raggiunga un accordo anche per il ripristino della Radiologia dell’Idi, il cui ritorno alla piena funzionalità consentirebbe la ripresa completa dell’ attività assistenziale e il recupero della piena occupazione. Pertanto ci auguriamo che la Siemens, che ha in gestione la manutenzione di Tac e risonanze magnetiche, metta da parte le difficoltà passate, così come hanno già fatto i dipendenti ed altri fornitori, e sigli un’intesa con l’amministrazione”.

“Del resto non si può neanche lontanamente pensare di sacrificare quanto di buono è stato fatto sino ad oggi. A pagarne le conseguenze sarebbero ancora una volta i lavoratori dell’Idi ed i cittadini che si vedrebbero privati di un’eccellenza straordinaria nel panorama della sanità laziale e nazionale” –conclude Menichella.

Idi, ANMIRS: Fondamentale che la Siemens si accordi con l’Amministrazione

logo anmirs“Non posso che condividere l’appello lanciato dal commissario straordinario del Gruppo Idi Massimo Spina. Per far si che l’Idi possa finalmente tornare ad una situazione di normalità è necessario che venga ripristinato quanto prima il servizio di radiologia”. Lo dichiara, in una nota, Donato Menichella, segretario nazionale dell’Anmirs, Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri.

“Dopo una fase che definire drammatica sarebbe un eufemismo -prosegue la nota- finalmente si intravede uno spiraglio per le strutture del gruppo e, di conseguenza, per tutti i dipendenti. Di questo va dato atto all’attuale amministrazione che ha saputo porre le basi per la definizione di un percorso condiviso con i sindacati “.

“Senza una radiologia pienamente efficiente però – continua Menichella- è impossibile recuperare quei livelli di produzione che garantirebbero il ritorno della piena occupazione. Ci auguriamo pertanto che la Siemens che si occupa della manutenzione dei macchinari trovi quanto prima un accordo con l’amministrazione, seguendo l’esempio di altri fornitori”.

“Solo con la collaborazione di tutte le parti in causa – conclude il segretario nazionale dell’Anmirs – si può arrivare al rilancio completo dell’Idi”

Elezioni, ANMIRS: Auguri a Marino

IMG_8727“Desidero rivolgere le mie più sincere congratulazioni a Ignazio Marino per la sua elezione a sindaco di Roma”.

Lo comunica, in una nota, Donato Menichella, segretario Nazionale dell’Anmirs, Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri.

“Siamo certi che Marino saprà essere un ottimo amministratore -prosegue la nota- mettendo a disposizione dei romani quella stessa passione e competenza che hanno contraddistinto le sue precedenti esperienze di medico prima e di politico poi. Inoltre ci aspettiamo che confermi il suo impegno per la risoluzione delle gravi problematiche che affliggono la sanità religiosa della capitale, nel cui territorio operano importanti strutture che versano in uno stato di grande difficoltà, come l’Idi e il San Carlo di Nancy. Abbiamo incontrato il neo sindaco lo scorso febbraio in occasione di una tavola rotonda sul futuro degli ospedali classificati di Roma ed abbiamo trovato in lui un interlocutore attento e preparato. Siamo sicuri pertanto di poter contare sul suo sostegno”.

Idi, ANMIRS: Firmato accordo per stipendi medici. Menichella: “Bene la collaborazione mostrata dall’Amministrazione. Fondamentale ora il ripristino della piena funzionalità della Radiologia”

L’Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri ha sottoscritto un accordo con l’amministrazione del Gruppo Idi che garantisce la normalizzazione della situazione retributiva, dell’attività libero professionale e il ritorno dell’assicurazione di responsabilità professionale per i medici dell’Idi, del San Carlo di Nancy e di Villa Paola di Capranica.

Lo comunica, in una nota, l’Anmirs, Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri

In particolare l’intesa siglata -prosegue la nota- prevede che gli stipendi vengano erogati in proporzione alla crescita del fatturato e l’istituzione di una cabina di regia tra medici e dirigenza come luogo di confronto e di concertazione per proseguire insieme nella strada del risanamento e come base per un’ulteriore crescita.

“Si tratta -spiega Donato Menichella, Segretario Nazionale dell’Anmirs – dell’ennesima concreta dimostrazione della buona volontà dei medici dell’ Idi che, pur non avendo colpe nella crisi drammatica che ha colpito le strutture del Gruppo vogliono contribuire in prima persona al risanamento economico dello stesse. Al contempo prendiamo atto con soddisfazione della collaborazione mostrata dai nuovi vertici dell’Idi che hanno perfettamente compreso come i medici, così come tutti gli altri dipendenti, siano una ricchezza da cui passa la ripresa economica e quindi la salvezza delle strutture e non un peso di cui liberarsi. Con l’arrivo della nuova struttura dirigenziale è stato finalmente possibile delineare un percorso di concertazione grazie al quale i lavoratori possono guardare con maggior serenità al proprio futuro”.

“Per il ritorno ad un pieno fatturato -prosegue Menichella- è però necessario il ripristino della piena funzionalità della Radiologia dell’Idi e su questo fronte l’Amministrazione si sta confrontando con la Siemens che si occupa della manutenzione dei macchinari. E’ fondamentale che le due parti trovino un accordo perché senza una Radiologia funzionante è impossibile recuperare quei livelli di produzione che garantirebbero il ritorno della piena occupazione”.