Idi, ANMIRS: Nuova struttura commissariale sia risolutiva

“Spero sinceramente che la nomina, da parte del Ministro Passera, di una nuova struttura commissariale alla guida dell’Idi, sia finalmente risolutiva e che possa determinare una svolta positiva nella drammatica crisi che da mesi ormai attanaglia gli ospedali del Gruppo”.

Lo dichiara, in una nota, Donato Menichella, segretario nazionale dell’Anmirs (Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri).

“E’ necessario dunque che l’amministrazione indicata dal governo si confronti da subito con le parti sociali per predisporre un serio piano che, oltre a rilanciare l’Idi, il San Carlo di Nancy e Villa Paola di Capranica, preservi gli attuali livelli occupazionali scongiurando i licenziamenti previsti” –conclude il comunicato.

San Carlo -Idi, ANMIRS: Bene decisione Tar

“La decisione del Tar sull’ ospedale San Carlo di Nancy è certamente un fatto positivo. Dopo il pronunciamento della giustizia amministrativa è necessario che riparta il dialogo tra tutte le parti in causa per predisporre un serio piano che rilanci le strutture del gruppo Idi partendo dalla salvaguardia dei livelli occupazionali e dalla difesa della natura no profit delle stesse. Un plauso va anche al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che si è subito impegnato a rasserenare gli animi, specificando come l’obiettivo della Regione non fosse certamente quello di determinare la chiusura del San Carlo”. Lo dichiara, in una nota, Donato Menichella, segretario nazionale Anmirs (Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri).

Idi, ANMIRS: Scongiurare licenziamenti e salvaguardare natura no profit delle strutture

“Nella drammatica vicenda dell’Idi-San Carlo è assolutamente necessario che le istituzioni locali facciano attivamente la propria parte, collaborando da subito con l’amministrazione del gruppo affinché sia al più presto predisposto un serio piano che rilanci le strutture, partendo però dal ritiro immediato dei licenziamenti previsti e dalla tutela della natura ospedaliera e no profit delle stesse”. Lo dichiara, in una nota, Donato Menichella, Segretario Nazionale dell’ANMIRS, (Associazione Nazionale Medici Istituti Religiosi Spedalieri).

“Non possiamo accettare che 400 dipendenti siano abbandonati al proprio destino, specialmente dopo mesi in cui hanno continuato a lavorare senza percepire lo stipendio, in un clima di totale incertezza per il proprio futuro e per quello delle loro famiglie. Siamo certi dunque che il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco di Roma Gianni Alemanno sapranno collaborare con la nuova governance del Gruppo Idi ad un piano di salvataggio che valga per tutti, nessuno escluso” –conclude Menichella.